I fiori, grandi protagonisti dell’arredamento e del design

Da sempre i fiori ed i motivi floreali sono protagonisti in vari ambiti artistici, dall’arte al design, ed hanno un’importante funzione estetica ed ornamentale, ma anche simbolica, facendo riferimento alla personalità e allo stile di chi li sceglie per arredare. Sono state un po’ di disuso per qualche anno ma – si sa che la moda è ciclica – le trame floreali oggi la fanno da padrone sia nel mondo del fashion che nelle tendenze d’arredo.trame floreali

 

Bisogna stare attenti, però, a non confondere le tendenze floreali nell’arredamento con lo Stile Floreale. Quest’ultimo, infatti, meglio conosciuto come Stile Liberty, è un forma d’arte italiana trasversale, che deriva dall’Art Deco e che coinvolge la pittura, l’architettura, l’artigianato, l’illustrazione ed il design. Il termine Liberty deriva dal nome dell’inglese Arthur Lasenby Liberty (1858-1919), commerciante londinese di oggetti d’arte e di alta qualità destinati al largo consumo. Allo Stile Liberty italiano corrispondono, nei diversi paesi europei, il Modernismo in Spagna, l’Art Nouveau in Francia ed in Belgio, lo Jugendstil in Germania, il Modern Style o Art Decore in Inghilterra e il Secession Stil in Austria. Gli esponenti di questo stile si oppongono all’omologazione della produzione in serie industriale, per salvare la bellezza dei prodotti artigianali. In Italia viene chiamato Stile Floreale poiché i fiori sono l’elemento predominante.

esempio di stile floreale
esempio di stile floreale

Lo stile Liberty s’ispira, perciò, soprattutto alla natura, rappresentando i suoi elementi attraverso linee ondulate. I colori sono tenui e predominano le tinte pastello, in particolare bianco, blu pavone, lilla, marrone, mostarda, verde oliva e verde salvia. Anche i fiori sono ondulati, con linee curve pronunciate e steli trasformati in viticci. Le rappresentazioni dei fiori sono, da un lato, esagerati nelle loro dimensioni e, dall’altro, semplificati. I petali, ad esempio, non sono disegnati uno ad uno, ma piuttosto ridotti ad una forma base ripetuta più volte. La semplificazione è accentuata dalla bidimensionalità delle figure, spesso con poche o nessuna ombra e delimitate da nette linee di contorno. Confondendo, così, la linea tra belle arti e illustrazioni.

carta-da-parati

 

Per quanto riguarda l’arredamento moderno, così come nel mondo della moda, tornano in auge le fantasie floreali, romantiche o dai colori pop sgargianti. I fiori nel design casalingo si trovano soprattutto nei tessuti: da motivi a fiori romantici con rose e ortensie a cascate floreali esotiche come i fiori di ibiscus e le orchidee. I tessuti floreali sono utilizzati per rivestire divani, poltrone o pareti. Una carta da parati con grandi stampe di rose, ortensie o camelie, ad esempio, scelta nei colori delicati del sabbia, è perfetta per creare un look neoromantico. Le nuove tendenze in materia di carte da parati, impongono che non sia rivestita l’intera stanza, ma solo una parete (quasi sempre quella che ospita il divano) in modo da non esagerare troppo. Se l’arredamento è più minimale meglio limitarsi a qualche elemento fiorato con colori più pop. Il consiglio è d’ispirarsi alle fantasie nordiche, con fiori dal disegno stilizzato ed i colori brillanti. Abbiamo già visto come i fiori siano protagonisti nei tessuti e nelle stampe soprattutto nello stile Shabby Chic ed in quello Country.

Le tende sono complementi d’arredo che conferiscono personalità e carattere al luogo nel quale vengono posizionate.country-a-fiori Le tende a fiori danno luce all’ambiente riuscendo a darle un tocco elegante e sofisticato. Adatte soprattutto per la camera da letto e il salotto, è meglio scegliere un tessuto fresco e leggero che possa mettere in evidenza le stampe facendo filtrare la luce. I più richiesti sono generalmente il lino e il cotone, tessuti freschi e facilissimi da pulire. I colori delle tende a fiori vanno dalle tonalità pastello a quelle un pochino più accese cercando sempre di prediligere il rosa, il rosso, il viola e il bianco. Le fantasie floreali si possono, inoltre, mescolare con qualche pezzo a disegno geometrico. Bisogna evitare, però, di strafare e utilizzare troppe fantasie con motivi differenti.

L’utilizzo di fiori finti per arredare può risultare molto kitsch, e se proprio non se ne può fare a meno, cercare di usare dei fiori di plastica ma ben fatti. L’ideale, comunque, è sempre quello di utilizzare veri fiori o piante. I fiori sono un elemento fondamentale e importante per rendere la propria casa ancora più bella e ricca, rappresentano l’alternativa migliore per arricchire l’arredamento in maniera semplice, e mantenendo il buon gusto. Le composizioni naturali di fiori, come detto, hanno dalla propria parte un effetto di maggiore impatto – la delicatezza ed il profumo dei fiori freschi non hanno eguali. Le composizioni artificiali, però, possono contare su una maggiore praticità e resistenza nel tempo. A metà strada tra queste due opzioni, c’è una terza possibilità, quella di utilizzare fiori essiccati. Le corone di fiori secchi, arricchite di qualche rametto, sono molto presenti nel bagni in stile Shabby Chic. Bisogna sempre tener conto dello stile d’arredamento della casa: se è uno stile moderno vanno bene vasi semplici, monocromo, dalle forme contemporanee e fiori come i gigli o i tulipani, non troppo pomposi. Se invece l’ambientazione è più rustica, sono adatte anche combinazioni multicolore. Un mazzo di rose si addice al salotto elegante, mentre il design contemporaneo gioca molto sull’uso di piante decorative, come esemplari dalle forme particolari ed esotiche. Le trame floreali portano, quindi, colore e allegria, ma anche eleganza e stile in qualsiasi stanza.

GIRASOLI-VAN-GOGH1
Girasoli, Van Gogh

E a proposito di eleganza, come non parlare del soggetto floreale nell’arte pittorica. I dipinti di fiori si affermano come genere specifico, insieme ai dipinti di frutta e altri oggetti domestici, con il trionfo della pittura di “nature morte” tra ‘500 e ‘600, restando, anche nei secoli successivi, uno dei soggetti più apprezzati anche dopo l’avvento della fotografia e del design. Il segreto del successo dei fiori deve molto alla loro versatilità, ai significati simbolici che si portano dietro, alla loro indubbia bellezza. Natura e arte, irregolarità e astrazione, inoltre, si coniugano nella mano del pittore. I quadri con fiori sono entrati ormai nell’immaginario comune di chi apprezza l’arte figurativa e quando si parla di quadri con fiori pensiamo subito a capolavori come il prato fiorito nella Primavera del Botticelli, ai vasi di fiori studiati nei minimi dettagli dei pittori fiamminghi e rinascimentali, o, in epoca più vicina a noi, alle varie ninfee di Monet, ai giardini fioriti dipinti en plein air degli impressionisti e soprattutto ai bellissimi girasoli immortalati da Van Gogh. Oppure i ciliegi fioriti su stoffe, stampe, ventagli e paraventi capolavori della migliore pittura giapponese. Arredare attraverso quadri floreali è come mettersi anche dentro casa un pezzetto di natura e di emozione, e nell’arredamento contemporaneo è quasi inevitabile scegliere quadri con fiori da appendere alle pareti.

Quadri con fiori - Evony, I Colori del Caribe
Evony, I Colori del Caribe

Di fatto il genere floreale è da sempre l’ornamento più delicato e vario, non solo perché associato a idee immediate di eleganza e gentilezza, ma anche perché un fiore può essere raffigurato in molteplici modalità, dal dettaglio naturalistico-fotografico all’espressionistico all’astratto, oltre che in varie forme e vari colori, e quindi può adattarsi a molteplici esigenze e ai più diversi stili: classico e sobrio, country, eccentrico, sofisticato o minimalista. Si possono utilizzare anche stampe con motivi floreali, ma il consiglio è quello di scegliere sempre quadri artigianali, dipinti a mano. In rete c’è una vasta scelta, ed è possibile trovare quadri con fiori di diversi tipi, stili, dimensioni e prezzi. Basta, ad esempio, navigare sul sito di Amazon, di Trova Prezzi o de I Colori del Caribe.

E se non volete o non potete abbellire i vostri muri attraverso i quadri con fiori potete utilizzare gli stickers, cioè degli adesivi murali. Gli stickers sono una bellissima possibilità decorativa per muri spogli, soprattutto in stanze dove i quadri ingombrerebbero troppo l’ambiente. Molto utilizzati oggi, anche nei locali e negli uffici, gli adesivi murali permettono di liberare la propria fantasia…vediamo insieme qualche esempio di stickers floreali:

1

6

9

8

10

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Arredamento & Design

FOLLOW US ON